Top
 
Cedior / Buono a sapersi  / Curiosità e benefici della batata

Curiosità e benefici della batata

Sharing is caring!

Si, avete letto bene, non è un errore di ortografia ma si chiama proprio «batata» il tubero di cui parleremo oggi.

Una radice tuberosa dalle numerose proprietà benefiche.

La batata dolce, al contrario di ciò che si può pensare, non è una varietà di patata.

A differenziarla da quest’ultima è infatti la famiglia da cui proviene: la patata che noi tutti conosciamo infatti fa parte delle Solanaceae, insieme ai pomodori e alle melanzane, mentre la batata appartiene alla famiglia delle Convolvulaceae.

Oltre a differenziarsi dal gusto dolce.

Ha origini secolari, venne esportata, infatti, da Cristoforo Colombo dalle popolazioni amerinde dell’America tropicale, per poi diffondersi in tutto l’Occidente.

Caratteristiche nutrizionali

La batata appartiene alla famiglia delle Convolvulaceae e ne esistono diverse varietà distinguibili dal colore della polpa, dalla buccia (gialla, rossa, viola o bianco-grigia) e dal sapore.

Composta da molteplici sostanze salutari per il nostro organismo, per questo è stata messa al primo posto della classifica dei vegetali più salutari dall’associazione americana CSPI (Center of Science in the Public Interest), è ricca di fibre, proteine, minerali (potassio, fosforo, ferro, zinco, calcio e magnesio), vitamine (A, C, V e E), flavonoidi e antociani.

Benefici e proprietà

Le sue caratteristiche nutrizionali forniscono al nostro organismo sostanze utili per il normale fabbisogno giornaliero e sostanze utili nella lotta contro i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare.

Inoltre, la buccia della batata, se consumata a crudo, contiene il cajapo, una sostanza fondamentale per la riduzione della glicemia basale, del colesterolo e dell’emoglobina glicata, con un miglioramento complessivo dello stato di salute generale per chi è affetto da diabete di tipo II.

I segreti di Gigi

Questo tubero si presta a tutte le modalità di cottura (saltata in padella, bollita, stufata, fritta o al forno) e alla preparazione di gustose ricette come alternativa sfiziosa alla patata classica.

E’ squisita anche consumata cruda e con la buccia (ad esempio nelle insalate) come avviene nella cucina giapponese.

Quando acquisterete le batate Elisir potrete conservarle in un sacchetto di carta dentro ad un contenitore.

Per prevenire la formazione delle gemme basterà aggiungere una mela nello stesso recipiente.

 

Ci rivediamo venerdì con una delle nostre ricette!

E quando la proverete, ci piacerebbe sapere il vostro parere nella nostra pagina Facebook. Gigi risponde!