Top
 
Cedior / Buono a sapersi  / Curiosità e benefici delle castagne

Curiosità e benefici delle castagne

Sharing is caring!

Le castagne sono il simbolo dell’autunno e dei primi freddi.

Soprattutto quando ci si ritrova davanti al camino a gustarle con un buon calice di vino rosso e una calda coperta sulle gambe.

Oggi vi porto nelle distese montuose di imponenti alberi di castagno a sentirne il profumo e a vederne i colori, ma più di tutti a conoscerne i suoi frutti.

L’albero di castagno è famoso per la sua longevità, alcuni esemplari vivono infatti da centinaia di anni.

In Italia ce ne sono alcuni che sono famosi per il loro valore storico e culturale, come ad esempio lo Tsahagnèr de Derby in Valle D’Aosta con un’età di circa 400 anni o il Castagno della Nave a Mascali, con un età di più di 1000 anni.

I loro frutti non sono solo buoni, ma sono considerati un ricostituente naturale aiutandoci a combattere stress e stanchezza.

Caratteristiche nutrizionali

Le castagne sono il frutto della Castanea sativa, appartenente alla famiglia delle Fagacee, contenute in gusci a riccio.

Composte per la metà da acqua, sono ricche di amidi, fibre, minerali (potassio, ferro, calcio, magnesio e fosforo), acido folico e vitamine del gruppo B.

Un concentrato straordinario di sostanze »amiche» di intestino, metabolismo, sistema nervoso, sistema immunitario, muscoli, ossa e circolazione.

Benefici e proprietà

L’alto contenuti di fibre ci regalano un alto grado di sazietà aiutando, inoltre, a regolare i livelli di zucchero e colesterolo nel sangue.

E’ famosissima la farina di castagne, per questo possono essere utilizzate in sostituzione di pane o cereali, soprattutto per chi è intollerante al glutine.

Amidi, zuccheri, folati e vitamine B le rendono un’ottima fonte di energia ed essenziali in gravidanza.

I segreti di Gigi

Abbiamo parlato poco fa di farina di castagne, dai tempi che furono, infatti, il castagno era noto come «albero del pane» per il suo uso alimentare.

Il pane ricavato era un cibo «povero» perché consumato da molti contadini dell’Italia Settentrionale.

La farina di castagne, oggi, viene utilizzata in diverse preparazioni in cucina, dalle zuppe ai secondi, fino a deliziosi dolci.

Venerdì uscirà  una ricetta incredibilmente squisita. Non fatevala scappare!

E quando la proverete, ci piacerebbe sapere il vostro parere nella nostra pagina Facebook. Gigi risponde!